La solitudine o ci fa ritrovare o ci fa perdere noi stessi. (Roberto Gervaso)

La solitudine o ci fa ritrovare o ci fa perdere noi stessi. (Roberto Gervaso)

mercoledì 1 gennaio 2014

Identikit della persona difficile

La distinguete perché è diversa.
Tremendamente incompresa, lunatica. Pensierosa e nostalgica... seppur col sorriso sulle labbra. Assolutamente malinconica, ribelle, skazzata.
Caratterizzata dall'espressione satiresca, il sorriso derisorio, le risposte mordaci.
Sono persone criticate da tutti per il look trascurato, la risata troppo sonora, il linguaggio colorito, l'incorreggibile ritardo e la necessità d'andarsene via.
Gente sgridata eccessivamente alle elementari per il disordine, la distrazione in classe.
Paragonata in maniera fastidiosa agli ex del partner di turno, confrontata ai figli di altri genitori, spronata al miglioramento, istigata alla perfezione... e poi magari s'era arresa a tutte quante le pretese, quella gente speciale, sperimentando il cambiamento richiesto col pretesto d'accontentarli, per una volta, ma senza alcuna soddisfazione, riconoscimento né ricompensa, facendosi di nuovo scansare con ingratitudine.
Persone impossibili che sognano amori altrettanto utopici, perdite di tempo all'affannosa rincorsa d'un ideale quasi irrealizzabile...
S'innamorano dell'idea d'amare e, appena questo capita, vengono utilizzate per un capriccio e prontamente scartate... però sono difficili da riavere, sappiatelo, e facili da perdere se trascurate. Soltanto l'amore può trattenerle. Una volta ferite nell'orgoglio, tuttavia non cambieranno idea. Se ne andranno con dignità, soffrendo solo dentro di sé, perché il dolore lo possono combattere, l'ignoranza no.
Sono persone che quando amano, amano più di quanto amino se stesse, e quando litigano scatenano una guerra destinata il più delle volte a finire in un abbraccio.
Si isolano tra i loro simili perché è una specie che non si sente a proprio agio con chiunque, né si cura di piacere a tutti.
Persone coraggiose che affrontano la solitudine, sfidano le mode, ridono dei pregiudizi, se ne fregano, perché non hanno bisogno dell'amore né dell'amicizia di nessuno, o almeno non di una qualunque; se accettano la vostra compagnia è perché avvertono un piacere sincero nell'ascoltarvi, diversamente loro sanno benissimo stare da sole.
Le persone difficili vanno conquistate ogni volta, essendo in fuga eterna verso i loro sogni.
Se volete provare a catturarne una, sappiate che la conquista è illusoria: è un tipo troppo libero il quale ama l'indipendenza, anzi, vi morirebbe. Semmai potete correrci assieme, un tramonto lo condivide...
Posso assicurarlo: se una persona complicata ritorna dopo la prima lite, anche se non ve lo confesserà mai, lo fa perché è il cuore a governarla, non il bisogno.
... E hanno bisogno di silenzio per sentire la vostra mancanza, sì.
Se sopportate il loro silenzio arriveranno a considerare grandiosa la vostra amicizia, l'appureranno come disinteressata, quindi potranno apprezzarla, proteggerla, talvolta cercarla.
Se non disprezzate il loro silenzio, allora li conoscete abbastanza bene da trovarci il loro cuore là dentro...
Tanto lo sapete: rincorrono già troppi sogni per avere il tempo di adeguarsi a voi.
Ma io le conosco bene queste persone, sapete? Sono una di loro.
Facile da ferire, difficile da amare.
Ma se esistono i sogni, un po' è anche grazie a noi. Siamo quelli che lasciano vincere l'amore, ma regalano speranza a chi ha voglia di sognare ancora e ancora, e ancora...

by Alka